“Insieme a scuola, insieme nel mondo” tema della Giornata Nazionale Persone con Sindrome di Down 2018

La presidente del CoorDown Falugiani: “L’inclusione scolastica è un tema che deve tornare con urgenza sui tavoli istituzionali”

L’educazione inclusiva è un diritto umano fondamentale di ogni bambino, ma non è ancora garantito a tutti, nemmeno in Italia. Sembra un paradosso visto che siamo il primo Paese al mondo ad aver chiuso le scuole speciali oltre 40 anni fa, ma siamo anche la nazione che non assicura l’inizio delle lezioni per tutti, perché molti studenti non hanno ancora gli insegnanti e i supporti necessari.

La scuola a cui tutti gli studenti hanno diritto, compresi quelli con sindrome di Down ed altre disabilità, è un luogo che rispetta e valorizza la diversità e prepara tutti gli studenti a essere membri delle comunità. I benefici di un’educazione inclusiva sono sostenuti da quarant’anni di ricerche scientifiche, che dimostrano come i bambini con disabilità intellettiva raggiungano maggiori risultati accademici e sociali quando sono educati insieme ai loro pari senza disabilità, e che studiare in un ambiente inclusivo offre a tutti gli studenti maggiori opportunità di sviluppare il rispetto reciproco, la comprensione e le competenze di cui hanno bisogno per vivere insieme nelle diverse comunità di oggi.

A questo tema è dedicata la Giornata Nazionale delle persone con sindrome di Down, appuntamento annuale promosso da CoorDown Onlus. Il 14 ottobre in oltre 200 piazze d’Italia i volontari delle associazioni aderenti al coordinamento nazionale e adulti e ragazzi con sindrome di Down sensibilizzeranno l’opinione pubblica condividendo esperienze e dando informazioni e faranno circolare il messaggio di cioccolato (realizzato con cacao proveniente dal commercio equo e solidale) che da sedici anni promuove l’inclusione sociale.

Copertina Lea va a scuolaPer la prima volta nella sua storia il CoorDown veicola questa battaglia culturale anche con un libro. Cura la pubblicazione di un albo illustrato per bambini che racconta la storia diun’alunna con sindrome di Down. Il volume s’intitola “Lea va a scuola” (autori: Luca Lorenzini, Luca Pannese, con Alexandre Abrantes e Rodrigo Panucci Zanellato, Nord-Sud Edizioni, euro 12,90) e narra l’avventura della bimba già protagonista del video d’animazioneprodotto da CoorDown in occasione della Giornata Mondiale sulla sindrome di Down il 21 marzo 2018. La storia di Lea, testimonial della campagna sociale, sarà disponibile in libreria a partire dal 4 ottobre. I diritti d’autore del libro saranno destinati interamente a Coordown Onlus. Il coordinamento si augura una diffusione capillare nelle scuole attraverso le associazioni presenti su tutto il territorio nazionale.

L’inclusione scolastica è un tema che con urgenza deve tornare sui tavoli istituzionali. “La scuola – spiega la Presidente del CoorDown Antonella Falugiani – deve garantire a ogni studente, indipendentemente dal numero dei cromosomi o dalla patologia, un percorso scolastico di formazione e di crescita nel rispetto del processo di inclusione introdotto dallaLegge 118 del 1971 e tutt’ora in attesa della sua piena attuazione. Infatti, nonostante ilsusseguirsi di decreti e di leggi, il quadro che si sta delineando e che molte famiglie vivono quotidianamente, è quello di una sempre maggiore differenziazione, che non solo non facilita l’inclusione, ma tende a favorire la formazione di classi speciali. L’inclusione deve portare ad un cambiamento culturale, per agevolare la partecipazione attiva e completa di tutti, e per costruire contesti capaci di includere le specificità di tutti. Fintanto che chiediamo alla persona di adeguarsi al Sistema, e non al Sistema di rimuovere le barriere che ancoraostacolano l’inclusione, la nostra strada e quella dei nostri figli sarà sempre in salita evivremo in un mondo a parte”.

L’hashtag ufficiale della Giornata Nazionale è #GNPD2018

Giornata Nazionale Persone con sindrome di Down 2018 GNPD2018

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*