Laboratorio audio-video

PRIMA FASE
Il primo progetto, elaborato e condotto da due operatori con competenze ed esperienze in ambito educativo e tecnico audiovisivo, si è svolto a Fino Mornasco in spazi concessi in uso dal comune, da marzo a maggio 2011, strutturato in dodici incontri settimanali di circa due ore, con un gruppo di otto partecipanti.
Si è proposto di realizzare un laboratorio di video “partecipativo”  formando un gruppo di lavoro per la realizzazione di un breve filmato ideato e costruito insieme.
Il laboratorio ha utilizzato una modalità ludica fortemente attiva che ha permesso il coinvolgimento propositivo e responsabile di tutto il gruppo e di ciascuno , favorendo l’espressione, la conoscenza e il riconoscimento delle proprie emozioni e dei vissuti personali e permettendo il confronto e la condivisione all’interno del gruppo.
Dal punto di vista tecnico sono stati affrontati gli aspetti più semplici della realizzazione di un filmato dove comunque i partecipanti  hanno potuto liberamente individuare e scegliere il loro ruolo di attore o sceneggiatore o cameraman.
Il prodotto finale è un cortometraggio molto divertente che dà  la misura di quanto l’esperienza sia stata gratificante e positiva per tutti.

SECONDA FASE
Il risultato molto positivo del primo laboratorio, l’interesse e la forte motivazione che si era creata nel gruppo e negli operatori  ci ha portato a decidere di  dare continuità al percorso investendolo di valenze educative più ampie tali da coinvolgere le autonomie di base dei partecipanti.
Il confronto con i conduttori Davide Livio e Marianna Cattaneo ha fatto emergere come idea progettuale la realizzazione di un laboratorio di “costruzione di consapevolezze tramite il cinema”, dove restituire ai ragazzi/adulti la possibilità di raccontarsi e riconoscersi come parte della propria storia famigliare ed individuale oltre che la possibilità di pianificare le proprie attività con un fine predeterminato.
Il percorso si propone di unire la ricostruzione della storia di ciascuno dal bambino di ieri al giovane di oggi per immaginarsi e costruirsi l’adulto autonomo di domani, riportando il confronto nella relazione di gruppo.
Mettendo al centro il lavoro sulla percezione di sé, sulla formazione e potenziamento dell’identità, sul riconoscimento delle proprie ed altrui emozioni, sulla consapevolezza dei propri limiti e risorse, nonché dei propri sogni e desideri, si vuole  favorire un protagonismo “adulto” che crei le condizioni per  partecipare alla costruzione del proprio progetto di vita .

Lo strumento cinematografico, facilmente fruibile dai ragazzi e congeniale alle loro capacità cognitive più immediate, diventa un mezzo per riconoscere loro da subito la capacità decisionale e la possibilità di esprimerla.
La struttura del laboratorio in questa fase ha previsto 24 incontri a cadenza settimanale di circa due ore, da novembre 2011 a maggio 2012, da svolgersi a Cantù presso l’associazione Orto Creativo Urbano, che essendo ben integrata nel territorio potrà offrire stimoli e opportunità anche in altri ambiti di intervento.
Nell’ottica di sviluppare un progetto più ampio sulle autonomie si è ritenuto importante e  necessario contestualizzare le attività nella realtà sociale del territorio in cui l’associazione opera e quindi sviluppare collaborazioni con altre realtà favorendo maggiore interazione con il tessuto urbano e i servizi al fine di garantire risorse e occasioni di vera integrazione con la normalità

PROSSIMI SVILUPPI
Abbiamo ritenuto che questo laboratorio possa essere il filo conduttore su cui programmare e organizzare via via delle azioni specifiche sia rispetto ai ragazzi, con l’obiettivo di  costruire per ciascuno un progetto di vita progressivo coerente e partecipato, finalizzato all’autodeterminazione, sia  rispetto alle famiglie, che dovendo dare il “permesso di crescere”  vanno sostenute nel riconoscimento e nel rispetto della “alterità del figlio”.
Siamo consapevoli che sarà un progetto a lungo termine e molto impegnativo sotto molti aspetti, non ultimo quello economico.

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*